Calendario eventi

<<  Maggio 2021  >>
 Lun  Mar  Mer  Gio  Ven  Sab  Dom 
       1  2
  3  4  5  6  7  8  9
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31      
Gli interpreti

Curriculum vitae

Il duo Roberto Noferini - Giulio Giurato riscuote grande successo ad ogni sua esibizione. Così si è espressa la stampa: "Nella sonata in re minore di Brahms i due musicisti hanno saputo far collimare gli intenti e le sensazioni comuni a tante opere del compositore... nel Poéme Elegiaque e nella sonata per violino solo di Ysaye ...estremo vigore e grande ispirazione... Numerosissimi gli applausi per il duo caratterizzato da una tecnica esemplare e un'arte suprema..." (La Nuova Ferrara).

Roberto Noferini, nato nel 1973, si è diplomato con lode al Conservatorio Verdi di Milano con Gabriele Baffero e si è poi perfezionato con Arthur Grumiaux, Salvatore Accardo, Dora Schwartzberg, Pavel Vernikov e, per la musica da camera, con Dario De Rosa. Ha vinto numerosi primi premi e premi speciali in importanti concorsi internazionali (Postacchini di Fermo, Viterbo, Portogruaro, Lipizer di Gorizia, Perosi di Biella). Al suo debutto a soli 12 anni al Teatro Comunale di Bologna ha fatto seguito un’intensa attività concertistica che lo ha portato ad esibirsi in prestigiosi festival e per importanti istituzioni concertistiche italiane (Società dei Concerti di Milano, Amici della Musica di Firenze, Vicenza e Pescara, Teatro Comunale di Ferrara, Accademia Chigiana, Rossini Opera Festival, Festival di Città di Castello e di Ravello, Università Cattolica di Roma) e, all’estero, nelle principali capitali europee, in Sud America, Giappone ed Egitto. Membro fondatore dal 2000 dello SchuberTrio, si esibisce in numerosi concerti da camera, riscuotendo unanimi consensi. Segnalato da numerose critiche come uno dei più brillanti violinisti della sua generazione, ha suonato in veste di solista alcuni dei principali concerti per violino (Bach, Locatelli, Vivaldi, Paganini, Mozart, Beethoven, Mendelssohn) e collabora in formazioni cameristiche con Bruno Canino, Alessandro Specchi, Denis Zardi, Salvatore Accardo, Domenico Nordio, Massimo Quarta, Isabelle Faust, Bruno Giuranna, Sylvie Gazeau, Anthony Pay, Emanuele Segre e Giampaolo Bandini. Con la sorella Anna (violinista del Maggio Musicale Fiorentino e violista) e il fratello Andrea (primo violoncello del Teatro dell’Opera di Roma) suona in trio d’archi in omaggio al padre Giordano Noferini, compositore, direttore d’orchestra e direttore dal 1974 al 1977 del Conservatorio Giovan Battista Martini di Bologna. Roberto Noferini si dedica con attenzione al repertorio contemporaneo e ha lavorato con Luciano Berio, Salvatore Sciarrino, Goffredo Petrassi, Niccolò Castiglioni, Giacomo Manzoni e Bruno Bettinelli. La sua versatilità lo ha portato inoltre ad eseguire brani solistici in alternanza a letture di poesie recitate da Paola Gassman, Arnoldo Foà, Ugo Pagliai, Giancarlo Giannini ed Ottavia Piccolo. Tra le sue incisioni spiccano due CD per la casa discografica Bongiovanni in duo con Bruno Canino (Sonate di Busoni e Morceaux di Bazzini), un CD per Atopos con il Quatuor pour la fin du temps di Messiaen e due CD per Tactus (Sonate a tre di Sammartini con Bruno Canino e Trii di Bossi con lo SchuberTrio). È docente della cattedra di violino presso il Conservatorio E. R. Duni di Matera e all’Istituto Musicale G. Sarti di Faenza ed insegna al Corso di Perfezionamento Violinistico estivo di Castrocaro. Roberto Noferini è stato insignito dell’onorificenza di Cavaliere dell’Ordine di S. Agata dalla Repubblica di S. Marino per alti meriti artistici e culturali. Suona un violino Giuseppe Scarampella ex-Bazzini del 1865 che alterna con un Don Nicola Amati del 1732.
 
Giulio Giurato, nato nel 1964, si è diplomato in pianoforte nel 1986 sotto la guida di Valeria Cantoni presso il Conservatorio di Musica "G.B. Martini" di Bologna. Durante gli studi si era già distinto per la sua musicalità in vari concorsi nazionali ed internazionali, tra cui quello dedicato ad Alfred Cortot a Milano nel 1977. Come solista si è perfezionato con Jörg Demus e con Sergio Perticaroli ai corsi estivi dell'Alta Scuola di Musica "Mozarteum" di Salisburgo. In musica da camera si è perfezionato con Giovanna Musiani, Riccardo Brengola, Bruno Canino, Antonio Ballista e Boris Bekhterev. Ha inoltre seguito i Seminari di Analisi Musicale tenuti a Bologna dai compositori Alessandro Solbiati e Paolo Aralla. Numerosi i premi e i consensi ottenuti in concorsi e rassegne tra il '77 e il '95, sia come solista che in duo con Nicola Babini al violoncello, col quale insieme al soprano Maria Claudia Bergantin ha fondato con successo l’ ”Ensemble Pratella” volto alla riscoperta della figura e della musica di Francesco Balilla Pratella, e a quattro mani con Paola Borganti, con la quale riscuote lusinghieri successi in duo pianistico dal 1990, specialmente con musiche di Gershwin oltre al più importante repertorio per la formazione. Ha inoltre ricevuto notevoli consensi di pubblico e critica eseguendo composizioni di Beethoven, Schubert, Chopin, Brahms, Dvoràk, Fauré e Rachmaninov, presentate dai musicologi Pier Paolo Bellini, Paolo Petazzi e Guido Salvetti. La sua attività didattica spazia dall'insegnamento del pianoforte alla divulgazione musicale, con concerti guidati per studenti e adulti, e introduzioni all’ascolto dei concerti in cui suona. Nel 1993 ha terminato il Concorso a cattedre ministeriale, in virtù del quale dal 1999 insegna di ruolo Musica da Camera nel Conservatorio di Cosenza. Svolge un’intensa attività concertistica dal 1984 sia come solista in recitals e in spettacoli di poesia e musica (ha suonato con Giulio Bosetti, Roberto Herlitzka, Paola Gassman, Raoul Grassilli, Giancarlo Giannini e Riccardo Cucciolla) sia come camerista, in varie formazioni; il suo repertorio spazia da Bach a Shostakovich, ed ha eseguito in concerto circa 260 composizioni diverse tra cui oltre una settantina tra sonate, trii, quintetti e pezzi importanti. Si è esibito in Spagna, Ungheria, Austria, Slovenia, Portogallo, Egitto, nelle principali città italiane e in importanti rassegne, riscuotendo ovunque importanti riconoscimenti. Nel ‘95 è stato invitato in Svizzera dall'Orchestra da Camera "Accademia Bizantina" al prestigioso Festival Internazionale di Lucerna, diretto da Günter Pichler, primo violino del quartetto Alban Berg al suo esordio alla direzione. Ha suonato diverse volte a quattro mani con Jörg Demus, collaborazione che ha segnato profondamente la sua musicalità; per la Società del Quartetto di Vicenza, in un concerto della storica stagione interamente dedicato a Schubert, il duo ha suscitato vivissimi apprezzamenti di pubblico e critica: “Grande successo del concerto del celebre pianista viennese e del suo allievo Giulio Giurato...nella Fantasia in fa minore di Schubert...Demus e Giurato ci hanno riconsegnato un affresco di stupefacente bellezza, di solidità tecnica, profondo lirismo e pienezza sonora...” (Eva Purelli sul Giornale di Vicenza). Nel ’98 ha collaborato col grande chitarrista Alirio Diaz e in seguito ancora a quattro mani con Jörg Demus a Bologna in due acclamatissime Schubertiadi nell’Aula Absidale dell’Università degli Studi e in Pinacoteca Nazionale. Nel 2000 ha fondato con i fratelli Roberto e Andrea Noferini agli archi lo SchuberTrio, col quale effettua concerti e spettacoli in importanti eventi in Italia e all’estero, anche in duo e in formazione di quintetto per pianoforte e archi, e ha registrato per la casa discografica Tactus il doppio CD “Franz Schubert - Complete Works for Piano Trio” e i CD “Trii di Marco Enrico Bossi – Complete Trios” e “Marco Enrico Bossi - Opera completa da camera vol. 2” riscuotendo entusiastici consensi da pubblico e critica.
Guide all'ascolto in repertorio:

n. 6 - Concerto per violino e orchestra in Re maggiore op. 61 e Sonata Kreutzer
Ludwig van Beethoven

n. 15 - Sonate per pianoforte e violino, op. 100, 78 e 108
Johannes Brahms

n. 46 - Sonate per pianoforte e violino
W. Amadeus Mozart