ARTicoliamoci
 
L’Associazione PerfomingArts ha collaborato alla progettazione e alla realizzazione del progetto “ARTicoliamoci - Percorsi artistici per la valorizzazione di nuovi strumenti comunicativi”, promosso dal Coordinamento Nazionale Insegnanti Specializzati (C.N.I.S.) della sezione di Campobasso e finanziato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per le Pari Opportunità.
Il progetto si è attestato tra i migliori dieci d’Italia per le iniziative presentate come interventi finalizzati alla promozione delle pari opportunità nel campo dell’arte e dello sport a favore di soggetti diversamente abili. 
In particolare l’Associazione PerfomingArts ha ideato e organizzato uno stage full immersion dal tema “La performance artistico - creativa come processo di integrazione dei soggetti disabili”, che si è svolto a Termoli nel mese di settembre 2011. Attraverso il proprio contributo specialistico e l’applicazione della propria metodologia sperimentale (basata su cinque fondamenti di: elementarietà, creatività, interdisciplinarietà, alta formazione e transnazionalità), ha cercato di superare concezioni anguste e riduttive rispetto alle interazioni sociali tra persone normodotate e persone con disabilità, con lo scopo di liberare creatività e innovazione verso nuove forme d’integrazione. 
Il C.N.I.S. e il suo braccio operativo CDH, Centro Documentazione Handicap, hanno l’obbiettivo di diffondere il significato di diversità e il rapporto tra diversità e normalità elaborando ipotesi di interventi educativi e formativi finalizzati alla valorizzazione delle differenze e puntando in particolar modo sull’integrazione delle persone disabili. Con il progetto “ARTicoliamoci” hanno voluto:
  • valorizzare e accrescere le capacità dei ragazzi con disabilità, di età compresa tra i 10 e i 16 anni, per l’accesso e la pratica di alcune discipline artistiche quali teatro, danza e musicoterapia;
  • rafforzare le abilità e le competenze possedute ;
  • integrare a livello relazionale, promozionale e culturale i disabili con i normodotati. 
Secondo quanto raccomandato dal MIUR, il progetto applica strategie riconducibili al cooperative learning, considerando ogni ragazzo protagonista dell’apprendimento di nuove conoscenze qualunque siano le sue capacità, le sue potenzialità e i suoi limiti, rispettandone i ritmi e gli stili di apprendimento. 
Il progetto è teso a realizzare un’integrazione dei molteplici linguaggi espressivi e a unificarli al fine di applicarli nella manifestazione finale, che si terrà a febbraio 2012, e trasferirli nei diversi contesti sociali.