Summer School of PerformingArts 2007-2009

 

L’urgenza di conoscere attraverso l’esperienza creativa vive oggi un tempo di crisi e una serie di riduzioni: l’insegnamento e l’apprendimento sono sofferenti di frammentazioni che ne riducono l’efficacia, rendendo sempre più impraticabile quell’apertura alla realtà tutta che contraddistingue ogni tentativo estetico. Nel nostro Paese, le scuole di formazione professionale in ambito artistico/creativo, i laboratori e gli stage, soffrono di prospettive parziali, dalle quali deriva una professionalità sempre meno incidente nel tessuto sociale.

Il progetto Summer School of PerformingArts si è dato come obiettivo il recupero e la difesa di una qualità che ci è propria: la passione comunicativa legata alla capacità espressiva e creativa attraverso una implicazione attiva con tutti i codici artistici. Il punto di partenza è che la riunificazione di queste competenze elementari, dentro un percorso coinvolgente e provocante, possa portare effetti positivi anche sul fronte del recupero di difficoltà di socializzazione o di carriera scolastica di molti giovani.

Il percorso di PerformingArts si inserisce nel piano delle riforme dell’istruzione che dal 1997 in poi, a seguito di diverse normative, hanno dato sempre più autonomia alle Regioni in materia di istruzione e formazione. Scopo delle riforme del sistema scolastico è mettere al centro la persona e la sua educazione e accompagnarla negli anni dando spazio alle sue inclinazioni. In particolare dal 2003, con la Riforma Moratti, la Legge 53 dà la possibilità di svolgere all’interno del percorso scolastico, per integrare il curricolo degli allievi, attività complementari a carattere formativo, anche non presso gli istituti scolastici di riferimento. Il progetto di Rilevanza Regionale a Carattere Innovativo e Sperimentale permette di verificare l’innovazione della metodologia di PerformingArts e la sua applicabilità al sistema scolastico tradizionale di Regione Lombardia, sia a partire da strumenti didattici innovativi, sia a livello formativo mettendo in campo la possibilità di sperimentare un nuovo modo di fare lezione.
La Regione Lombardia, infatti, con la Legge Regionale 19 del 2007 ha dato avvio ad una riforma scolastica che vede l’istruzione inscindibile dalla formazione, affermando la “centralità della persona e della famiglia” e la “valorizzazione delle professioni educative” per un corretto inserimento nel mondo del lavoro.
La scelta di portare la Summer School edizione 2009 all’estero, in particolare a New York si colloca all’interno della certezza che per garantire l’alta formazione e l’ampiamento della professionalità è necessario conoscere e comprendere metodologie differenti, per acquisire input e conoscenze nuove e stimolanti. Tutto questo in linea con quelli che sono da anni gli obiettivi del progetto Atlantis, che promuove la collaborazione e la cooperazione fra realtà europee e americane.

 

Rete  Performing Europea >

 

Il software ART learning editor >

 

Summmer School of PerformingArts >

 

\ Summer School of PerformingArts 2007-2009 \